Quando durante la fase di introduzione dei cibi complementari il seno si ingorga, forse si sta procedendo troppo in fretta: il tuo corpo ti avverte che c’è bisogno di procedere più gradualmente e di non diminuire troppo in fretta la frequenza o la durata delle poppate al seno. Non è necessario smettere di allattare quando si introducono i cibi solidi, ma è bene procedere in modo graduale per dare al tuo seno il tempo di adeguare la produzione alla minore richiesta di latte. I farmaci per “far andare via il latte”, sono sostanze molto forti, e molto efficaci se assunte nei primi giorni dopo il parto, quando la lattazione viene “stroncata sul nascere”; lo sono molto meno se assunte nei mesi successivi, in quanto non interrompono di colpo la produzione di latte né prevengono o risolvono un ingorgo già in atto. Non è necessario usare farmaci per diminuire la produzione di latte, basta ridurre le poppate con la sufficiente gradualità.

Tratto da: I primi cibi solidi: le domande delle mamme
di Antonella Sagone
pubblicato su Da mamma a mamma n. 99

Puoi approfondire questo argomento contattando una Consulente de La Leche League e consultando le pubblicazioni de La Leche League.