Home arrow Risorse arrow Comunicati stampa arrow Novembre 2007 - Com stampa Riprendiamoci il latte - Roma 14 Novembre
Novembre 2007 - Com stampa Riprendiamoci il latte - Roma 14 Novembre PDF Stampa E-mail
Per leggere il comunicato stampa clicca qui

 

       

www.acp.it

www.ibfanitalia.org

www.lllitalia.org

www.mami.org

www.aicpam.org

 

COMUNICATO STAMPA

 Le mamme in sit-in a Roma per chiedere la protezione dell'allattamento al seno

 Roma, 4 novembre 2007 - Il prossimo 14 novembre a Roma, davanti Montecitorio, si terrà un sit-in di mamme che scenderanno in piazza per difendere il diritto di allattare al seno i propri figli. Questa meravigliosa capacità delle donne di produrre nutrimento per i propri figli è infatti pesantemente minacciata dalle continue pressioni commerciali delle aziende che commercializzano alimenti per l'infanzia. "Il latte materno - spiegano AICPAM, IBFAN Italia, LLL, MAMI, promotori dell'iniziativa - è un bene comune che la natura ha affidato in gestione alle donne. Solo le donne possono decidere se, dove, quando, come, quanto e quanto a lungo allattare. Nessuno dovrebbe sostituirsi ad esse o interferire con la loro indipendenza. Tanto meno chi è mosso da fini commerciali e di profitto e vorrebbe sostituire il latte materno con latti artificiali ed altri alimenti e bevande, o chi vende gli strumenti per somministrare questi prodotti: biberon e tettarelle."

Obiettivo dell'iniziativa - sostenuta da numerose associazioni di genitori, ostetriche e altre realtà che si occupano di promuovere, sostenere e proteggere l'allattamento al seno - è ottenere dal Governo la piena attuazione del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno emanato da OMS e UNICEF nel lontano 1981, allo scopo di proteggere la salute dell'infanzia, sanzionando la scorretta commercializzazione ed ogni forma di promozione dei sostituti del latte materno.  Anche l'Italia ha sottoscritto il Codice, così come tutti i paesi dell'Unione Europea. Ciò nonostante, l'attuale normativa è tuttora più debole del Codice Internazionale e delle successive risoluzioni, poiché limita le restrizioni commerciali alle sole formule lattee iniziali per neonati (latti 1), lasciando le compagnie libere di violare il Codice per tutti gli altri prodotti (latti2, latti3, tisane,  omogeneizzati, biberon e tettarelle).

 "Entro il 31 dicembre 2007 - proseguono le associazioni promotrici - il Governo italiano dovrà varare una nuova direttiva europea (la 2006/141/CE del 22 dicembre 2006), che comporterà una nuova e profonda revisione della disciplina vigente in materia. Sarà finalmente l'occasione per dettare regole chiare e precise sulla pubblicità e l'etichettatura dei sostituti del latte materno. E porre un freno agli episodi di conflitto di interessi tra sistemi sanitari ed aziende."

 L'appuntamento è dunque per mercoledì 14 novembre - dalle ore 10.30 alle 13.30 circa - in piazza Montecitorio a Roma: tutte le mamme (e naturalmente i papà) con i propri bimbi allattati e non, sono invitati a partecipare. Durante il sit-in (ma è possibile aderire anche online all'indirizzo www.reteromanaconsumocritico.org/RRCC/azione/latte_materno.htm) si terrà una raccolta di firme a sostegno dell'iniziativa che saranno poi consegnate al Presidente della Camera, Fausto Bertinotti. Una delegazione delle associazioni promotrici chiederà inoltre di essere ricevuta dal Ministro della Salute, On. Livia Turco.


Dalle ore 12.00 alle 12.30 si terrà la conferenza stampa/dibattito con i giornalisti e i parlamentari presenti.

In Rete:
- Codice Internazionale OMS/UNICEF: www.ibfanitalia.org/monitor_codice/Cosa_codice.htm

- Il Codice Violato 2004: www.ibfanitalia.org/monitor_codice/codiceviolato04.pdf

- Vendere ad ogni costo: www. ibfanitalia.org/

*****

 

Per maggiori informazioni:

Linda Grilli
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
347 3678878

Carla Scarsi
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

340 9126893

Maria Ersilia Armeni

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

335 257353

 

 
< Prec.   Pros. >