Aiutaci ad Aiutare

link a video attacco
 
numeronazionalepicc.gif
Vuoi parlare con una Consulente de
La Leche League e ricevere il suo recapito? 
Puoi telefonare dalle 8 alle 20

Le Consulenti rispondono a turni di due ore ciascuna. 

Home arrow Domande e risposte arrow Gestione dell’allattamento arrow Che cos'è la compressione del seno? A cosa serve?
Che cos'è la compressione del seno? A cosa serve? PDF Stampa E-mail

La compressione del seno è una tecnica che serve a mantenere il bambino attivo al seno e a fargli assumere più latte.

 
 

 

 
 

Per prima cosa iImpara a riconoscere quando il bambino sta “bevendo” bene e prendendo latte: la sua suzione mostra una sequenza “apri pausa-chiudi”. Noterai anche movimenti vicino all’orecchio e alla tempia di tuo figlio.

 

Quando tuo figlio sta poppando attivamente, non è infatti necessario comprimere il seno.

 

Quando invece smette di poppare attivamente, e “ciuccetta” (la bocca si muove ma senza movimenti verso le tempie e le orecchie), comincia la compressione del seno.


 

Sorreggi il seno con una mano, il più possibile accostata alla cassa toracica, il pollice da un lato e le altre dita dall’altro lato del seno, in modo da averne una buona porzione nella mano. Poi schiaccia il seno fra il pollice e le altre dita, comprimendolo. Quest’azione dev’essere fatta con decisione, ma non così forte da far male.

 

Il bambino ricomincia a poppare attivamente (suzione a bocca aperta-pausa-chiusa). A quel punto, puoi mantenere la compressione, finché tuo figlio non ricomincerà a “ciuccettare” invece di “bere”. Non interrompere la compressione durante la suzione attiva; quando si mette solo a “ciuccettare”, allora puoi rilasciare la mano, per non stancarla, e per permettere al latte di fluire ancora da altre zone del seno.

 

Quando si rilascia la pressione, alcuni bambini smettono di succhiare. Se il bambino non riprende a poppare attivamente entro dieci secondi circa, comprimi di nuovo il seno.

 

Ogni volta che comprimi il seno, sposta la mano leggermente in una direzione, in modo da comprimere ogni volta zone differenti del seno.

 

Se inizialmente la compressione non dà risultati, questo non significa che tu debba immediatamente cambiare seno. Ma via via che il bambino poppa sempre più tempo a un seno, la compressione funzionerà sempre meno, e il flusso del latte rallenterà; e i bambini rispondono al flusso di latte.

 

Se la compressione non ha più effetto e tuo figlio si sta addormentando o cominciando a irritarsi per la lentezza del flusso, prova a staccarlo dal seno e offrirgli l’altro lato. Potrai poi ripetere il ciclo, da un seno all’altro, tutte le volte che occorre, finché la compressione non riesca più a mantenere il bambino attivo.

 

Prova a sperimentare. Sebbene questa tecnica funzioni bene con molte madri, metti in atto qualunque variazione che funzioni bene per te. Finché comprimere il seno non è fastidioso per te, e il bambino assume latte, allora significa che la tecnica sta funzionando.

 

(adattato da “Allattamento al seno – Il libro delle Risposte”, vol. 1 p. 163)

 

 

Fonti di informazione

L'arte dell'allattamento materno, la guida all'allattamento de La Leche League, disponibile in una nuova edizione italiana aggiornata e adattata.

Da mamma a mamma trimestrale per genitori

L'allattamento moderno trimestrale per operatori

Allattamento al seno – Il libro delle Risposte

Puoi trovare le pubblicazioni de La Leche League e abbonarti alle pubblicazioni periodiche presso una Consulente LLL oppure scrivendo all'indirizzo Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo .

 
< Prec.   Pros. >