Home arrow Risorse arrow Articoli - Genitori arrow Riuscirò ad allattare e lavorare?
Riuscirò ad allattare e lavorare? PDF Stampa E-mail
Da New Beginnings, Mar-Apr 1995

Una mamma chiede:

Sto cercando di decidere se posso gestire l'allattamento al seno insieme al mio lavoro. Sembra tutto così complicato. Alcune amiche mi hanno detto che il biberon con la formula artificiale è la strada più semplice. Però io so che il mio latte è quanto c'è di meglio per il mio bambino. Come posso fare perchè il mio ritorno al lavoro sia il più semplice possibile per me e per il mio bambino?

Le risposte di alcune mamme:

Sin dalla mia prima esperienza di allattamento che è stata obbligata all'uso di un tiralatte elettrico per poter allattare un bimbo prematuro, ho sempre pensato che tirarmi il latte durante l'orario di lavoro fosse un atto d'amore per un bimbo che aveva bisogno del meglio: il latte della sua mamma. Ho ripreso il mio lavoro di tecnico veterinario, quando mia figlia aveva sei settimane. Sebbene fossi molto impegnata, ho trovato il tempo di tirarmi il latte con un tiralatte manuale.
Sono entrata a far parte de La Leche League quando mia figlia Crystal aveva 14 mesi ed ho imparato molte cose nuove sui benefici dell'allattamento. Non riesco a immaginare in che modo l'uso del latte formulato possa essere ritenuto più semplice, specie alla sera, quando sono stanca dopo una giornata di lavoro. Siccome la bimba dorme nel lettone con noi, non devo neppure alzarmi di notte. (Letha Boust, Newville, Pennsylvania, USA)

Anche io mi sono posta il problema di come allattare il mio bambino una volta rientrata al lavoro. Avevo svezzato il mio primo bimbo prima di rientrare e sapevo che non volevo agire di nuovo così. Mi sono convinta che stavo facendo la cosa migliore per mio figlio ed ho cominciato a tirarmi il latte al lavoro due volte al giorno (ero assistente sanitaria in una scuola e perciò avevo accesso ad un luogo tranquillo ed appartato dove tirarmi il latte). Di solito allattavo il mio bimbo prima di lasciarlo con la baby sitter, e poi subito dopo essere rientrata a casa alla sera. La baby sitter gli dava ogni giorno due biberon del latte che avevo tirato. Fortunatamente non c'è mai stato bisogno di supplementi di formula artificiale.
Non è stato semplice, ma ce l'abbiamo fatta! Si è nutrito esclusivamente del mio latte fino ai sei mesi di età. Ora mio figlio ha quasi quattordici anni ed io sono entusiasta di avergli dato un inizio alla vita così sano.
Attualmente insegno preparazione al parto e sono educatrice all'allattamento per il " Women's Health Services" (servizio di salute per le donne) di un ospedale qui in Texas. Incoraggio ogni mamma con cui vengo in contatto ad allattare il più a lungo possibile perché è davvero la cosa più preziosa che possiamo fare per i nostri bambini. (Shari Stoops, Texas, USA)

Traduzione di Yvette Agostini

 
< Prec.