Spesso le donne in gravidanza incontrano persone che suggeriscono di preparare i capezzoli in previsione dell’allattamento.
Un tempo le nonne suggerivano di grattarli, indurirli, applicare sostanze diverse (perfino il succo di limone...) e maltrattarli in vari modi per non avere problemi di ragadi. Oggi si invitano le donne ad idratarli per renderli più morbidi e flessibili.

Ma ci si potrebbe chiedere se serva davvero.

In realtà no. La natura ha già provveduto fornendo tutto ciò che è necessario per idratare e rendere più elastici i capezzoli prima del parto. Il seno è perfetto e pronto così com’è, non ci sono creme, massaggi, aggeggi o pratiche più o meno strane che “servano” o “facciano bene”.
L’areola, la parte che circonda il capezzolo, è anche sede delle ghiandole di Montgomery che producono sostanze grasse che (oltre ad attirare il neonato con un odore irresistibile) proteggono ed idratano la pelle, sfavorendo lo sviluppo di batteri su quelle zone.

Lavando il capezzolo col sapone si rimuovono le benefiche sostanze grasse prodotte dalle ghiandole di Montgomery; è sufficiente risciacquare quotidianamente il capezzolo con acqua calda per mantenerlo pulito e garantire la sua lubrificazione e l’azione anti-batterica.
Quindi l’unica “crema” che serve la produci già tu.

Durante la gravidanza è una buona idea verificare se i capezzoli siano piatti o introflessi poiché talvolta il bambino può avere delle difficoltà ad attaccarsi correttamente. Si tratta comunque di casi rari e non c'è alcun motivo di preoccupazione se i tuoi capezzoli non sono introflessi.

Talvolta si sente dire che l'allattamento irrita i capezzoli.
In realtà allattare non deve comportare sofferenza: se ciò accade bisogna trovare il motivo ed eliminarlo. La causa più frequente per i capezzoli dolenti è una posizione scorretta del bambino che deve essere posizionato e attaccato correttamente.

Una delle cose più utili può essere vedere altre mamme che allattano. Partecipa agli incontri de LLL o contatta la Consulente più vicina, prima del parto. Gli incontri de LLL rappresentano per le mamme un'occasione di scambio di idee, informazioni e sostegno. Inoltre ogni gruppo ha una biblioteca con possibilità di prestito di libri sull'allattamento, la gravidanza e il parto, la nutrizione e il rapporto genitori-figli.

Puoi approfondire questo argomento contattando una Consulente de La Leche League e consultando le pubblicazioni de La Leche League.